come truccarsi a 40 anni
Bellezza

Come truccarsi bene a 40 anni parte 1: base viso

Come truccarsi bene a 40 anni, o comunque quando la pelle non è più fresca e tesa come quando ne avevamo 20? Alcuni la fanno molto complicata, ma non è così come dicono, basta sostituire alcuni prodotti e fare più attenzione con altri.

Fin dai tempi più remoti le donne utilizzano il make up per esprimersi, per esaltare la propria bellezza, fascino e sensualità. Truccarsi oggi è diventato un gesto quotidiano, è entrato nella nostra routine come il caffè appena sveglie. Per molte donne truccarsi significa mettersi dei prodotti sul viso seguendo vecchi schemi, o purtroppo la moda del momento, senza considerare se quello che stanno facendo evidenzia o meno i propri punti forti.

Il vero senso del trucco è esaltare le parti migliori senza perdere naturalezza

Quando si è giovanissime con una pelle fresca e luminosa è divertente giocare con colori, linee fantasiose e glitter, quando però notiamo la comparsa dei primi segni del tempo è meglio modificare lo stile del make up.

Sembra strano ma come truccarsi bene raggiunti o superati i 40 anni, e in alcuni casi direi anche i 30, è una di quelle cose verso le quali non poniamo la dovuta attenzione. Sto parlando di quarantenni, ma prima di tutto bisogna fare un’analisi della pelle anche se non si è raggiunta questa età. Quali cambiamenti si notano maggiormente? Ci sono segni di espressione evidenti? E’ diventata più sensibile? Vedi macchie scure che prima non c’erano?

Ci sono tipi di pelle che si segnano presto, già verso i 30 anni si può notare qualche ruga un po’ più profonda del dovuto, e, anche se si è ancora giovani, in casi come questo è meglio adottare le stesse cure di chi ha qualche anno in più.

come truccarsi a 40 anni

Da ventenni abbiamo trovato uno stile che ci piaceva e abbiamo continuato così fino ad oggi. Con tutti i prodotti usciti negli ultimi anni qualcosa di nuovo è stato inserito e altro tolto, ma magari abbiamo mantenuto lo stesso look non accorgendoci che con l’andare del tempo quello che una volta esaltava i punti forti, ora potrebbe sminuirli.

E’ utile seguire i make up tutorial sui social?

Con youtube, e successivamente con instagram, i tutorial sul make up non si contano più. Ogni stagione c’è il prodotto se non ce l’hai non sei nessuno spinto da tutti i make up artist (compresi quelli improvvisati) ma pare che non si faccia caso al fatto che è marketing e sono make up fatti apposta per questi social e se spesso ragazze ventenni sembrano delle drag queen, figuriamoci l’effetto su una donna che non ha più la pelle freschissima da ragazzina.

L’idea per questo post infatti mi è venuta dopo aver visto una signora che chiaramente seguiva la moda del momento (illuminante come se non ci fosse un domani, almeno 6 shade di ombretto, punti luce con glitter alle 10 di mattina ) ignorando che la scelta dei prodotti e il modo in cui li ha applicati le regalava anni in più.

Per carità, ognuno è libero di truccarsi come vuole, però guardiamoci con obiettività allo specchio anche perchè non c’è una seconda occasione per dare una prima impressione e in molti contesti è importante.

truccarsi a 40 anni

Scommetto che l’effetto cercato era l’opposto ma “giunti a una certa” piuttosto che seguire Jeffree Star o Cheryl Pandemonium (che adoro! Carlotta, è una splendida ragazza sotto tutti i punti di vista) sarebbe meglio seguire Lisa Eldridge che propone make up elegantissimi anche quando ha la mano un po’ più pesante.

Less is more. Come truccarsi bene superati gli anta

Quando la forza di gravità comincia ad essere visibile sul contorno del viso e le esperienze ci hanno cambiato lo sguardo rendendolo più intenso, quando i primi segni del tempo cominciano ad essere evidenti intorno agli occhi e alle labbra, il modo di truccarsi va modificato. Alcuni prodotti e colori vanno cambiati, ma vediamoli punto per punto. Il discorso è un po’ lungo quindi ora parliamo della base viso.

Come truccarsi a 40 anni: cominciamo

Idratazione

Una pelle ben idratata appare meno segnata e più luminosa. Quello che bisogna fare prima di acquistare qualsiasi crema viso è capire che tipo di pelle abbiamo. No a quella crema viso che va tanto bene all’amica, lei ha la sua pelle e tu la tua, non è detto che l’effetto sia lo stesso. La stessa cosa vale anche per i sieri e i prodotti per il contorno occhi. Con un buon prodotto anti age si può davvero rendere la base più omogenea e qualsiasi prodotto di make up utilizzato successivamente avrà una resa migliore.

Primer viso

Se vuoi mantenere a lungo il make up, un primer è senz’altro utile. Non è un cosmetico necessario ma è ottimo se si trascorre gran parte delle giornata fuori casa, oppure per occasioni particolari dove il trucco deve rimanere perfetto per ore.

Il primer inoltre è utile perchè nasconde imperfezioni come i pori dilatati e piccole rughe. Ne puoi trovare tanti a base siliconica ma anche con ingredienti di origine naturale, ormai c’è molta scelta anche fra questi e personalmente li preferisco. Il suo scopo è creare una base perfetta su cui poi si andrà ad applicare il make up, ma molti hanno anche altre proprietà. Ce ne sono di idratanti, illuminanti, per tutte le tipologie di pelle, nutrienti ecc. La scelta in ogni caso deve ricadere su quello che sentiamo più confortevole, quello che non fa sentire la sua presenza sul viso.

Base viso

Fondotinta

fondotinta liquidi

Una buona base è tutto. Questo è un discorso che vale sempre ma più si va avanti con l’età, più diventa necessario che sia impeccabile. E’ quindi bene spenderci un po’ di tempo sia per scegliere il prodotto giusto, sia per applicarlo. In linea generale è preferibile un fondotinta luminoso che dia un’aspetto sano e quindi più giovane all’incarnato. Per avere questo effetto sono da evitare i fondotinta a base troppo gialla/arancione, meglio optare per un sottotono neutro. Meglio anche evitare i fondotinta in polvere di qualsiasi tipo. Quasi tutti i fondotinta in polvere tendono ad asciugare l’idratazione della base e l’effetto è che rughe e segni di espressione vengono evidenziati. Inoltre hanno un effetto polveroso poco piacevole alla vista. I fondotinta in polvere libera, compatti o minerali possono essere di aiuto per le pelli grasse appunto perchè assorbono sebo, ma è sempre meglio prima fare una prova per evitare gli inconvenienti di cui sopra.

I migliori fondotinta per le pelli mature sono sicuramente quelli in crema, se non è troppo densa, e i liquidi. Molti hanno la qualità di rimpolpare la pelle, alcuni sono leggerissimi a base di acqua, sono modulabili e hanno una texture più sottile. Se non si hanno importanti discromie, un’ottima scelta potrebbe essere anche una BB cream o una CC cream così da uniformare l’incarnato con un prodotto leggero quanto una crema. Per l’applicazione ognuno è libero di utilizzare quello che preferisce, anche le dita. Una beauty blender è ottima da utilizzare anche solo come tocco finale perchè, oltre a togliere l’eccesso di prodotto, dona un effetto airbrush. Ti consiglio questa beauty blender che ho trovato su Amazon, sono ottime e costano pochissimo.

Correttore

base trucco a 40 anni

E qui andiamo sul difficile… Il correttore è sicuramente uno dei cosmetici più ostici da scegliere. Se si hanno poche occhiaie è sufficiente il fondotinta e si può utilizzare un correttore come illuminante nella zona perioculare. In caso di occhiaie bisogna armarsi di santa pazienza e magari acquistarne due o tre. Sì perchè le occhiaie genetiche, o che possono apparire a causa dell’età, non hanno un colore semplice da coprire e non è neanche lo stesso ogni giorno purtroppo! I correttori vanno provati magari mischiando tra loro un paio di tonalità diverse. Per le occhiaie più difficili da nascondere con il make up, possono essere di auto i correttori colorati (arancioni, verdi, lilla).

Anche per i correttori alla larga dai tutorial! Il baking è da evitare perchè asciuga moltissimo la zona, evidenzia le rughe e visivamente ne crea anche di nuove di cui non ne sentiamo certamente il bisogno. Anche se in video e in foto (magari ritoccata) l’effetto è pelle di porcellana liscissima, dal vivo sembra carta stropicciata, asteniamoci quindi dal baking . Un’altra moda che sta segnando il passo è l’applicazione alla Kardashian, cioè un triangolo che prende tutta la larghezza dell’occhio e oltre, che finisce in corrispondenza delle narici. Il tutto poi da sfumare in direzione delle tempie e successivamente fare baking. Dal vivo l’effetto è pessimo inoltre aggiunge troppi prodotto sugli zigomi.

Meglio applicare il correttore come suggerisce Waine Goss, cioè una linea dritta che parte dall’interno dell’occhio a scendere fino a fermarsi poco prima della narice, da sfumare poi anche sulla palpebra con un dito (meglio l’anulare che ha meno forza) o con una beauty blender oppure con un pennello pulito in modo da non rilasciare ulteriore prodotto. L’effetto è naturale e luminoso, inoltre il correttore va a coprire solo la discromia data dall’occhiaia e non viene applicato anche zone in cui non è necessaria nessuna copertura.

Cipria

cipria per pelli mature

Come si diceva per i fondotinta, i prodotti in polvere possono avere degli effetti poco piacevoli. La funzione della cipria è fissare la base e togliere l’effetto lucido senza creare un ulteriore strato. Serve quindi una polvere finissima, quasi impercettibile. Utilizzando polveri dalla grana troppo grossa, ritorna il problema descritto per il baking: si evidenziano le rughe.

Le ciprie perfette per le pelli più mature sono quelle che danno un effetto setoso, luminoso senza essere shimmer e che rendano l’incarnato liscio. In commercio ce ne sono molte sia in polvere libera che compatta, molto più comoda da portare in borsa per i ritocchi. E’ preferibile utilizzare quelle traslucide, cioè quelle che appaiono bianche nella confezione ma sono prive di colore così da non alterare la tonalità del fondotinta. Applicata con un pennello adatto dalle setole molto morbide, fissa tutta la base, toglie la lucidità dovuta al sebo ma allo stesso tempo, dona luce al viso.

Bene, ora che la base è perfetta vediamo come utilizzare matite, rossetti e blush. Ti aspetto nel prossimo articolo

Last Updated on 2 mesi by Stefania Gatta

31 commenti

  • sheila

    ho 40 anni!!! chi lo avrebbe mai detto che la mia vocazione al trucco stile anni 80 si trasformasse invece in una ricercatezza di uno stile semplice molto simile al nude look? Personalmente uso solo un’ottima crema idratante come base, un fondotinta leggero e il correttore. Non conoscevo le due tecniche che hai citato… domani provo ad applicarlo alla Kardashian anche io che ho sempre seguito l’istinto. Niente cipria per me solo un filo di blush rosato sulle guance, eyeliner mascara e rossetto color pastello !

    • Stefania Gatta

      no la Kardashian lasciala stare che sembra di cera 😀 metti il correttore solo dove il colore dell’occhiaia è più scuro, tendenzialmente vicino all’attaccatura del naso, e poi sfuma verso l’alto e sotto l’occhio in modo che il colore nella zona centrale/esterna dell’occhio venga solo dalla sfumatura che stai facendo. la prossima settimana parliamo del make up 😉

  • angelica s

    non parlarmi di tutorial. affascinata da una Vblogger ho fatto spese pazze per ritrovarmi la faccia da pagliaccia di quinta categoria con la pelle così secca che sembravo una cartina geografica. Hai detto proprio bene. Idratare e usare cose semplici

    • Stefania Gatta

      le youtuber sono il male!!! ahahaah, scherzo! loro fanno pubblicità a tutti i brand di make up e fanno vedere tutto bellissimo, sta a noi capire cosa è vero e cosa no. purtroppo molti brand non li puoi trovare nei negozi fisici, non si possono testare e spesso si prendono delle fregature

  • Lisa

    Gli anta, maledetti…
    Il mio problema non è stato tanto che a 20 anni mi truccavo seguendo un’ispirazione o la moda del momento e dopo non ho saputo adattarmi, piuttosto che a 20 anni la mattina mi lavavo il viso ed uscivo tal quale e mi piacevo pure.
    Poi sono arrivati i maledetti anta…e il correttore ha avuto la meglio sul mio look acqua e sapone ed il guaio che ho sovuto imparare a truccarmi, perchè non l’avevo mai fatto prima 🙁

    • Stefania Gatta

      Allora la tua omonima Lisa Eldridge fa al caso tuo, ha uno stile impeccabile, elegante, semplice e pulito. mi piace moltissimo perchè insegna a nascondere le magagne e ad esaltare punti forti in modo naturalissimo

  • anna correale

    credo proprio che la base sia importantissima, e l’idratazione fondamentale, io non sono mai stata una che si è truccata molto ma ho adottate sempre tutti gli accorgimenti, per avere una pelle truccata bene ma allo stesso tempo naturale

  • Rita Tirelli

    Articolo interessante e molto molto utile, soprattutto la parte sul correttore, dato che purtroppo ho molte occhiaie. Aspetto la seconda parte

  • Erika Cammarata

    Ho meno di 30’anni e non mi trucco. Metto solo un po’ di crema idratante sul viso prima di andare a letto e alla mattina appena sveglia (e neanche sempre, devo dire). In ogni caso penso che, per chi ama il make up, la soluzione vincente sia sempre un trucco naturale e non troppo appariscente. Quindi sicuramente approvo il tuo less is more, anche per evitare l’effetto contrario, ovvero quello di accentuare imperfezioni o rughe dell’età.

  • Tessy

    Credo che tutto sia relativo. Esagerare in un senso o nell’altro non va bene. Ad ogni età comunque si dovrebbero seguire regole di base e buone abitudini

  • Raffi

    Ho superato i 40 da un po’ e mi avvicino pericolosamente ai 50, ma devo dire che oltre a questo post che ho salvato e riletto già due volte per tenerlo bene a mente, ho salvato il link di una vlogger molto famosa che spiega come truccarsi in poco tempo per limitare i segni della stanchezza e del tempo. Non direi quindi che le vlogger sono il male, direi piuttosto che il male sono chi segue pedissequamente le vlogger senza capire qual è la differenza tra “misura” e “mascherone”. 😉

  • Marlene

    A 20 anni un po’ di mascara e un filo di rossetto.
    A 30 anni un fondotinta uniformante, altrimenti d’inverno sembravo un cadavere, eyeliner, mascara, rossetto.
    Ora che ho superato i 40 tendo a non truccarmi. A meno che non ci sia qualche evento. Devo ancora trovare il correttore giusto, che non accentui le rughette e le occhiaie, però sono sulla strada giusta.

    • Stefania Gatta

      sì succede spesso così, più si va avanti meno ci si trucca 🙂 se il correttore va nelle righette prova a metterne pochissimo sfumato con una beauty blender e fissarlo con una cipria finissima immediatamente dopo, prima che si asciughi

  • Luckystar

    Avendo passato anch’io gli anta da qualche anno, ho imparato a mie spese che less is more. Caricare il viso di trucco, anzichè ringiovanire, sortisce l’effetto contrario. Meglio opare per un look naturale e fresco, senza forzature cromatiche.

  • Sofia

    Ma è proprio necessario truccarsi? Io parto con il buon proposito di farlo ogni settembre e poi perdo la spinta lungo la strada 🙂 finisce che mi metto a volte un filo di rossetto e via 🙂

    • Stefania Gatta

      il trucco è uno dei tanti modi per prendersi cura di sè, niente è obbligatorio 🙂 truccarsi per qualcuno è necessario per vari motivi, per altre una cosa in più che si fa magari solo in certe occasioni. soprattutto in questo caso è meglio sapere cosa fare perchè non avendo l’abitudine ad usare prodotti invece di apparire al meglio si possono fare disastri

  • Greta

    Io ho sempre usato pochi prodotti per il make up avendo già di mio una bella pelle. Fortunatamente non ho problemi ne di borse, ne di zampe ne di rughe…. Condivido quello che hai scritto nel tuo articolo. A una certa età è meglio evitare il trucco pesante

  • silvia terracciano

    io mi trucco molto poco giusto un poco di cipria e correttore. per qualche serata diversa che necessita di più trucco non so come fare anche se ancora non ho 40 anni

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.